Usa, si alle cause contro i produttori di sigarette light

Nuovo duro colpo alle lobbies del tabacco: la Corte suprema degli stati Uniti ha sentenziato che i cittadini possono fare causa ai produttori di sigarette per l’ingannevole dicitura “light”. Decine di azioni legali attendevano il nulla osta dai giudici di Washington, i quali, in 4 su 5, hanno deciso che la legge federale non protegge i produttori di tabacco.

Decine sono le cause per diversi miliardi di dollari contro il gruppo Atria, proprietario, tra gli altri, del marchio Philip Morris. I ricorrenti accusano le aziende di aver ingannato i consumatori descrivendo le sigarette come “a basso contenuto di nicotina” o “leggere”. La dicitura “light” è stata messa fuori legge anni fa nell’Unione europea (poi sostituita dalla parolina “blu” che indica la stessa cosa, ma noi ci vogliamo lasciar ingannare lo stesso).

Fonti: Televideo Rai e Yahoo Notizie. La vignetta è di Arca (ARCACOMICS).sigarettelight_small

Annunci

Un pensiero su “Usa, si alle cause contro i produttori di sigarette light

  1. Non si sa quanto sia innoqua e tendenzialmente sono una persona diffidente dai rimedi alternativi, ma come fumatore incallito, nella scelta di quello che potrebbe essere un “male minore”, fumo questa sigaretta elettronica da un anno e mezzo (…) Ho recuperato fiato, non ho più la gola infiammata, la tosse é sparita! Adesso non mi resta che convincere mia madre a cambiare perché l’esperienza é nettamente inferiore alla sigaretta tradizionale, ma é efficace!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...