La rete incriminata

  1. Morte Sandri, il legale dell’agente. Colpo deviato secondo la perizia”. La perizia balistica sul proiettile che ha ucciso il tifoso laziale Gabriele Sandri conferma che il colpo di pistola è stato deviato. Lo rende noto l’avvocato Francesco Molino, che difende l’agente della Polstrada Luigi Spaccarotella, indagato per l’omicidio del giovane tifoso della Lazio, morto lo scorso 11 novembre nell’area di servizio di Badia al Pino ad Arezzo. A determinare la deviazione sarebbe stato l’impatto fra il proiettile e la rete metallica che divide le corsie dell’autostrada. Secondo questo legale saremmo tutti dei completi rincojoniti che credono a ste stronzate? Come per Carlo Giuliani, fu il sasso a deviare il proiettile del poliziotto, anche ora ci vogliono dar da bere qualcosa di dolce per mandare giù il boccone amaro. Francesco Molino si sarà anche solo per sbaglio messo nei panni di Gabriele? Avrà pensato che i familiari altre stupidaggini non le vogliono più sentire?
  2. Microsoft prepara virus “buoni”: agiscono da soli per difendere i pc. Il concetto è, con le dovute proporzioni, quello dei vaccini. Solo che i virus stavolta sono quelli informatici. L’arma segreta per combattere quelli che infettano i computer potrebbe essere in futuro un virus “buono”, da inoculare per trasmettere gli antidoti nelle macchine con la stessa velocità con cui si propaga l’infezione stessa. Così tutti avranno bisogno dei vaccini Microsoft. E poi, una volta fatto girare il vaccino, qualsiasi pseudo-hacker potrebbe subito aggirare l’ostacolo… (Fonte: Repubblica)
Annunci

4 pensieri su “La rete incriminata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...