Dis-informazione? No, contro-informazione.

Già in passato postai un articolo tratto da “Aprile” per parlare dell’argomento “EUROPA7” dato che non se parla mai.

Oggi, 31 gennaio 2008, la Corte di giustizia europea  ha stabilito in una sentenza che il regime di assegnazione delle frequenze per le attività di trasmissione televisiva è “contrario al diritto comunitario”. 

Infatti dal sito Rai.it si legge che:

“[…] i giudici di Lussemburgo danno quindi ragione alla Centro Europa 7 srl, che nel 1999 ha ottenuto dalle autorita’ italiane l’autorizzazione a trasmettere a livello nazionale, ma non lo ha mai potuto fare per la mancata assegnazione delle frequenze.
[…] Il Consiglio di Stato, che ha interpellato la Corte Ue, ha spiegato che il piano di assegnazione delle frequenze previsto dalla legge italiana non è mai stato applicato, mentre diverse legge hanno continuato a prorogare il regime transitorio.
L’applicazione in successione dei regimi transitori strutturati dalla normativa nazionale a favore delle reti esistenti“, ha scritto la Corte europea, “ha avuto l’effetto di impedire l’accesso al mercato degli operatori privi di radiofrequenze”. Un effetto “restrittivo”. Il risultato e’ stato quello di “cristallizzarela situazione esistente e “di proteggere la posizione degli operatori nazionali gia’ attivisul mercato. Quindi, hanno concluso i giudici di Lussemburgo, l’assegnazione “in esclusiva e senza limiti di tempo delle frequenze ad un numero limitato di operatori esistenti”, che non tenga conto dei criteri “obiettivi, trasparenti, non discriminatori e proporzionati” è “contraria ai principi del Trattato sulla libera prestazione dei servizi”.

Aggiungo solo una piccola nota: non si dice in questo pessimo articolo (pessimo perché volutamente incompleto) che l’operatore già attivo che è stato favorito dal regime transitorio è Mediaset e Rete4 sarebbe dovuta andare sul satellite parecchio tempo fa (fine 2003, Sentenza Corte Costituzionale n. 466/2002). Solo che i vari governi, anche di centro-sinistra, hanno sempre procrastinato questo benedetto termine stabilito dalla Corte prorogando il regime transitorio e facendolo diventare definitivo. Così Rete4 vinse su Europa7. Chissà che ora cambi qualcosa.

Annunci

Un pensiero su “Dis-informazione? No, contro-informazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...